facebook  twitter youtube3 instagram

 2008-2010 | LA COLLEZIONE 

Museo Nitsch 2008 inaugurazione Napoli foto Fabio Donato 04

  

la collezione - allestimento 2008-2010
45.aktion 10.04.1974 studio morra, napoli
47.aktion 18-20.10.1974 kunstmesse - stand studio morra, düsseldorf
51.aktion 24.06.1976 artefiera bologna - stand studio morra e pari&dispari, bologna
55.aktion 01.06.1977 requiem für meine frau beate chiesa santa lucia, bologna
63.aktion 10.06.1978 teatro romano, trieste
68.aktion 20.09.1980 convento delle oblate, firenze
18b.malaktion giugno-luglio 1986 casa morra, napoli
96.aktion 26.05.1996 pfingstfest - festa di pentecoste, vigna san martino, napoli
108.lehraktion 05.07.2001 “le tribù dell’arte ii”, galleria d’arte moderna, roma
54.malaktion agosto 2008 museo nitsch, napoli
laboratorio delle essenze, dei sapori e dei colori del om theater
2008-2010 la collezione
Il 13 settembre 2008 ha inaugurato il Museo Hermann Nitsch Archivio Laboratorio per le Arti Contemporanee.
Intensamente auspicato dall’ingegno di Giuseppe Morra, connesso da stretta empatia con il maestro austriaco, il Museo Nitsch si insedia in un edificio industriale d’inizio novecento, detto Stazione Bellini, creato per erogare l’energia elettrica al sottostante teatro omonimo.
Restaurata rispettando le istanze architettoniche originarie, la fabbrica è restituita alla città nel suo decoro formale. All’esterno, una scala consente un percorso ascensionale che, per una quota di 35 metri, rivela scorci suggestivi di straordinario paesaggio urbano nel Centro Antico, tra i quartieri della Pignasecca e di Materdei, in asse strategica con il Museo Archeologico, l’Accademia di Belle Arti, il Conservatorio San Pietro a Majella, il Museo Madre e Casa Morra Archivio d’arte contemporanea.
All’interno, un compendio dell’O. M. Theater che disvela i caratteri salienti della teoria e della pratica artistica-filosofica del maestro Hermann Nitsch, a partire dal 1957 quando comincia a scrivere la grammatica dell’Orgien Mysterien Theater, una forma complessa di opera d’arte totale gesamtkunstwerk incentrata sull’ESSERE e sulla sensuale esperienza di eventi reali (aktion e malaktion), esperiti attraverso i sensi in sinergia.
L’itinerario espositivo, avvertendo l’urgenza di rinnovarsi e favorire l’approfondimento culturale, si articola in sezioni permanenti, come l’imponente Farmacia o laboratorio delle essenze, dei sapori e dei colori del om theater, una completa foto/video-documentazione, un archivio delle partiture e della musica, e le pitture della 54.malaktion realizzate nell’agosto 2008 per il tunnel di collegamento alla Biblioteca, e in accurati allestimenti biennali, come la collezione 2008-2010.
Nitsch costruisce uno straordinario universo in tutta la sua potenza, mostra gli snodi fondamentali del suo complesso pensiero e con rigore inaugura dei sentieri futuri e scenari possibili.
Dal bisogno di formulare ipotesi e rileggere momenti, di indagare conseguenze e speranze, il maestro Hermann Nitsch qui ritrova i suoi amici e tutti quelli che aspettano questa occasione privilegiata per incontrare la sua filosofia.